Scopri i prodotti e le aziende di eccellenza del litorale pontino
 
La Lenticchia di Ventotene

La Lenticchia di Ventotene

Tra terreni vulcanici dell’isola di Ventotene, ha trovato il suo ambiente ideale una particolare varietà di lenticchia, denominata, per la sua tipicità, Lenticchia di Ventotene.
Dal 2002 figura tra i prodotti tipici dell’enogastronomia del Lazio ed è tutelata dal progetto l’Arca del Gusto della Fondazione Slow Food.

La lenticchia di Ventotene

Origine, storia e produzione della lenticchie di Ventotene

Originaria della Siria, la lenticchia fu il primo legume coltivato dall’uomo. Esistono, infatti, testimonianze scritte sulla preparazione di piatti a base di lenticchie, risalenti a 4000 anni fa.

Apprezzata per il suo valore nutritivo, questo piccolo legume si diffuse in tutto il Mediterraneo fino a trovare spazio anche sui terreni vulcanici dell’isola di Ventotene.
La lenticchia di Ventotene è di piccole dimensioni, caratterizzata da un colore marroncino chiaro con venature rosate e una buccia molto tenera, che gli conferisce una particolare cremosità dopo la cottura.
La semina avviene da dicembre a febbraio, a seconda delle caratteristiche del terreno, e il raccolto, o scippatura,viene eseguito a giugno, nelle prime ore del mattino. La pianta viene estirpata e lasciata a terra a seccare, dopodiché si procede alla battitura, o scogna, che consistere nel battere le piante per fare in modo che i baccelli si aprano e rilascino le lenticchie.

L’ultimo passaggio è la spulatura, ovvero la separazione delle lenticchie dalla paglia, eseguita lanciando le lenticchie in aria con una pala, queste più pesanti cadono a terra, mentre la paglia viene soffiata via dal vento.
Tutto il processo produttivo è ancora eseguito interamente a mano, con strumenti agricoli preparati artigianalmente. Proprio questa artigianalità ha portato una drastica riduzione della produzione di questa varietà di lenticchia, che è tutelata dal progetto Arca del gusto dell’associazione Slow Food.

Dove acquistare e come preparare le lenticchie di Ventotene

La lenticchia di Ventotene può essere acquistata direttamente sull’isola, oppure online. Un consiglio è quello di provare la tipica Zuppa di lenticchie di Ventotene, magari proprio sull’isola, durante le vostre prossime vacanze.

Se volete preparare la zuppa a casa, dovete sapere che le lenticchie di Ventotene non devono essere messe a bagno prima di cuocere. Vi basterà inserire in una pentola:

  • 400 gr di lenticchie
  • due spicchi di aglio
  • olio EVO
  • una manciata di pomodorini
  • basilico
  • sedano
  • sale 

Cuocere per almeno un’ora e avere l’accortezza di inserire il sale solo gli ultimi 10 minuti, per mantenere la giusta consistenza dei legumi.

Curiosità sulle lenticchie

La lenticchia di Ventotene è un prodotto prezioso, al quale i ventotenesi sono particolarmente affezionati, tanto da dedicarle una sagra che si tiene solitamente a fine settembre.

L’importanza di questo legume nella storia dell’uomo è tale da comparire anche in un passo biblico: Esaù cedette i suoi diritti di primogenito al fratello Giacobbe per un piatto di lenticchie, da qui il detto “vendersi per un piatto di lenticchie”.

** Foto di Luana su Flickr https://www.flickr.com/photos/luanacreativa/2477550927/in/photostream

Potrebbe interessarti anche:
Osteria Borgo Pio, qualità a km 0
Osteria Borgo Pio - Ingresso

Situata tra le vie dell'omonimo quartiere,  troviamo l'Osteria Borgo Pio di Terracina, dove le tradizioni Leggi tutto

La viscotta, la pupa e ju cellitte
viscotta sanfeliciana

Anche San Felice Circeo ha la sua versione di un tradizionale lievitato pasquale popolare in Leggi tutto

Il Kiwi di Latina IGP
kiwi Latina IGP

Dolce, succoso e dalle molteplici proprietà benefiche, il kiwi di Latina IGP è il frutto Leggi tutto

Dalla tradizione culinaria sanfeliciana: il Canascione
Il canascione

Le tradizioni culinarie fanno parte del patrimonio culturale di un paese, è per questo che Leggi tutto