Latina è candidata al Congresso Internazionale di Slow Food

Sarà “Cibo per la mente” il tema portante della settima edizione del Congresso Internazionale di Slow  Food,  che si terrà dal 29 settembre al 1° ottobre 2017, a Chengdu, in Cina.

Sara Guercio, fiduciaria della Condotta Slow Food di Latina, rappresenterà la regione Lazio al congresso.

Settimo Congresso internazionale di Slow Food

Slow food cos’è

Slow Food è un’associazione no-profit che punta a restituire valore e dignità al cibo e promuove il consumo di alimenti sani, prodotti nel rispetto dell’ambiente.

L’associazione non poteva che nascere in Italia, precisamente ad Arcignola. Viene fondata nel 1986 in Piemonte, da Carlo Petrini, per “contrastare la follia della fast life”. La sua crescita è molto rapida: nel 1989 diventa internazionale e poco dopo vengono aperte le sedi di Berlino e Zurigo, rispettivamente nel ’92 e nel ’93.

Nel 1996, durante la prima edizione del Congresso Slow Food Italia, viene presentato il progetto l’Arca del gusto, per preservare prodotti e tradizioni che rischiano l’estinzione. Nel 2000 viene avviato il progetto dei Presìdi Slow Food, per salvaguardare piccole produzioni artigianali.

Il 2004 è l’anno di Terra Madre, evento in cui diverse personalità si incontrano per scambiare esperienze, opinioni e soluzioni locali che possono avere un impatto positivo sul mondo. Nello stesso anno viene fondata l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Il motto di Slow Food, “Buono Pulito e Giusto”, racchiude in modo sintetico gli ideali perseguiti:

  • Buono, perché incoraggia il consumo di cibi genuini a discapito di quelli preconfezionati e a tutto vantaggio del gusto
  • Pulito, come ciò che viene prodotto nel rispetto dell’ambiente
  • Giusto, attraverso progetti come i Presìdi Slow Food o l’Arca del Gusto viene promossa un’agricoltura equa e ecosostenibile

I prodotti Slow Food possono provenire dall’agricoltura, dall’allevamento, dalla pesca, o essere prodotti lavorati, come formaggi, salumi o dolci.

Con i vari eventi e progetti l’associazione promuove:

  • un consumo più etico del cibo
  • il rispetto dell’ambiente e della biodiversità
  • il rapporto tra produttore e consumatore
  • la convivialità e il piacere di mangiare “lentamente”.

Il Congresso

Quello di Chengdu è il secondo congresso ad avere luogo fuori dall’Italia, dopo la quinta edizione che si è svolta in Messico, nel 2007.  L’evento a cadenza quadriennale è il momento in cui i paesi associati si incontrano, fanno un resoconto dei  traguardi raggiunti e si pongono nuovi obiettivi a livello politico, organizzativo ed economico.

La Cina è uno degli ultimi paesi che è entrato a far parte dell’associazione, ma, dal 2015, anno dell’adesione, ha già inserito più di 50 prodotti nei cataloghi dell’arca del gusto; inoltre, gioca un ruolo cruciale nell’ambito del cambiamento climatico, essendo la principale responsabile dell’emissione di gas serra, ma si è impegnata a ridurre le emissioni del 60-65% entro il 2030, dimostrando una grande sensibilità per l’argomento.

Per tutti questi motivi la scelta è ricaduta proprio su Chengdu che, nel 2011, è stata dichiarata città gastronomica dall’UNESCO.

La condotta di Latina al congresso

Nel mondo esistono circa 1.500 Condotte Slow Food, ovvero sedi locali, che si coordinano e operano sul territorio per organizzare corsi, eventi e conferenze. La condotta di Latina da sempre si impegna a tutelare la biodiversità agroalimentare e umana dell’Agro Pontino, attraverso un costante lavoro di ricerca e innovazione.

A Chengdu parteciperanno i 90 paesi aderenti all’associazione e saranno presenti 400 delegati con diritto di voto, tra questi Sara Guercio.

Con la nomina di rappresentante della regione Lazio, si vuole premiare proprio l’impegno della condotta Pontina. Tale ruolo permetterà di portare al congresso una biodiversità senza uguali, resa possibile da un territorio florido di prodotti, tradizioni e culture diverse.

Un tema, quello della diversità, molto importante in questo periodo in cui le differenze ci spaventano e ci allontanano.

 

Potrebbe interessarti anche