Scopri i prodotti e le aziende di eccellenza del litorale pontino
 
Il Parco Nazionale del Circeo

Il Parco Nazionale del Circeo

Una delle risorse naturali più importanti dell’agro pontino, è senz’altro il Parco Nazionale del Circeo.

Il suo vasto e variegato territorio comprende i comuni di Latina, Sabaudia, San Felice Circeo e Ponza.

Mappa del Parco Nazionale del Circeo

Storia e curiosità

Il parco nazionale del Circeo è una delle più antiche aree naturali protette; fu fondato nel 1934, per tutelare ciò che restava delle paludi pontine, che in quegli anni venivano bonificate.
Dal 1997 è anche riserva della biosfera dell’UNESCO ed è stato candidato come Patrimonio dell’umanità.

Parco Nazionale del Circeo: cosa vedere

Il parco comprende un’area di 8.500 ettari e una biodiversità sorprendente. Il territorio include ben 5 habitat:

  • la foresta, è ciò che rimane della Selva di Terracina e si estende per 3.300 ettari visitabili grazie ai molti sentieri, sia pedonali che ciclabili.
  • la duna litoranea, rappresenta quel cordone sabbioso, di circa 22 km, che parte dal promontorio del Circeo fino a capo d’Astura e delimita i laghi costieri.
  • le zone umide, comprendono i laghi costieri (Paola, Monaci, Caprolace e Fogliano), zone acquitrinose e pascoli.
  • l’isola di Zannone, è una delle isole ponziane, il cui territorio ha origini antichissime
  • il Promontorio o Monte Circeo, un massiccio calcareo alto 541 metri.

Presso alcuni punti di interesse è possibile visitare musei e biblioteche, come:

  • il Museo del Parco a Sabaudia
  • il Borgo di Fogliano, un complesso di edifici risalente al 700
  • il Centro di Documentazione sull’Istruzione e la Sanità nelle paludi pontine
  • l’Area faunistica di Cerasella
  • la Piscina della Verdesca, raggiungibile percorrendo il sentiero dalla Migliara 51, è l’unica visitabile tra quelle rimaste (su questo sito si può effettuare anche il tour virtuale)

Oltre al grande patrimonio naturale, il parco ha una rilevanza preistorica e archeologica. Sul promontorio possiamo trovare grotte e rifugi che testimoniano la presenza dell’uomo fin da tempi antichissimi e in tutta l’area ci sono ville romane di immenso valore storico.

Immersi nel parco troviamo anche i centri storici di Sabaudia e San Felice Circeo; la prima, risalente agli anni trenta, è un ottimo esempio di architettura razionalista.
Il centro storico del Circeo, invece, di origini ben più remote, racconta la sua storia in modo discreto. Dalla preistoria a quando fu colonia romana, nel III secolo, fino al Medioevo, quando fu possedimento dei templari.
Infine il Circeo divenne feudo dei Caetani, e successivamente una roccaforte pontificia, come ci indicano le torri papali, volute da Pio IV.

Parco Nazionale del Circeo: flora e fauna

Vista l’estensione e i numerosi habitat compresi nel parco, anche la flora e la fauna sono molto variegate.
Nella foresta troviamo la tipica macchia mediterranea, ma anche specie vegetali continentali (cerro, frassino, farnia) e un ricco sottobosco costituito da piante che producono bacche e piccoli frutti.
Molto suggestive le fioriture delle ginestre e dei ciclamini, che tingono di giallo e di rosa il buio sottobosco.
Per quanto riguarda la fauna troviamo: cinghiali, daini, volpi, vipere, rospi, ecc.
La zona della duna ospita per lo più piccole piante, che resistono al tipo di terreno sabbioso: alcuni tipi di arbusti, piante con foglie piccole o aghiformi (camomilla selvatica, ginepro, pino marittimo). Questo particolare tipo di flora è ideale come rifugio di animali piccoli, come volpi, tassi o lucertole, e per la vicinanza con il mare troviamo anche gabbiani e altri tipi di uccelli.
Nelle zone umide troviamo una vegetazione composta, per lo più, da tamerici, inule e salicornie, e tra gli animali troviamo anche bufali, oche, gru e molti altri uccelli a seconda del periodo dell’anno.
L’isola di Zannone offre una grande varietà di flora e fauna, a seconda del periodo dell’anno; Inoltre, ospita il muflone, che fu introdotto negli anni venti.
Sul promontorio troviamo specie animali e vegetali molto simili a quelle della foresta, particolare la presenza della palma nana e dell’euforbia.

Parco Nazionale del Circeo: visite

Il parco è interamente percorribile attraverso dei sentieri, che l’ente parco ha attrezzato con cartelli esplicativi nei punti di maggiore interesse; anche sul promontorio ci sono diversi percorsi, che portano al picco (il punto più alto del Monte Circeo) o alle varie grotte. La duna litoranea è percorribile anche in auto, nei punti in cui è affiancata dalla strada, mentre l’isola di Zannone può essere raggiunta in battello, partendo dall’isola di Ponza.
L’ente Parco organizza, inoltre diversi eventi, attività e programmi di educazione ambientale. Recandosi agli infopoint è possibile richiedere una mappa e tutte le informazioni necessarie.

Potrebbe interessarti anche:
Circeo Be Wild, un nuovo modo di vivere il Circeo
Circeo Be Wild

Sabato 23 marzo a San Felice Circeo apre ufficialmente Circeo Be Wild, una nuova realtà volta Leggi tutto

7000 presenze per il Natale a Borgo Montenero
Il Natale a Borgo Montenero

L' Associazione La Torre ha divertito, emozionato ed entusiasmato durante queste festività. Un Natale con Leggi tutto

L’affascinante Santuario di Santa Maria della Sorresca
Chiesa di Santa Maria della Sorresca

Sulle rive del Lago di Paola sorge un luogo di preghiera riservato e sereno, la Leggi tutto

Il Circeo Musical Project si mette a nudo!
Locandina circeo musical project 2018

È "The Full Monty" il titolo che i ragazzi del Circeo Musical Project hanno deciso Leggi tutto